By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

Dopo l'operazione antimafia "Family" che ha portato all'arresto anche del Sindaco di Castrofilippo, Salvatore Ippolito, il Comune è stato sciolto per infiltrazione mafiosa. La decisione è stata presa questo pomeriggio e notificata immediatamente dal Comando Provinciale dei Carabinieri, al Municipio della città di 3mila anime. La Commissione prefettizia si è riunita alle 16e30 all'interno della Caserma di Viale Bonfiglio. Ha trovato quindi immediata risposta l'interrogativo più ricorrente nella mente e sulle labbra di tutti i cittadini castrofilippesi che si chiedevano la fine dei 6 Assessori e dei 15 Consiglieri Comunali in carica. Lo scioglimento per infiltrazione mafiosa era una delle possibili soluzioni previste dalla Legge n° 55 del 1990 in materia di Consigli Comunali che possono essere destituiti in seguito a precise disposizioni imposte dai Prefetti, dopo aver accertato il sussistere di collegamenti diretti o indiretti degli amministratori con la criminalità organizzata o con forme di condizionamento degli amministratori, tali da compromettere la libera determinazione degli organi elettivi ed il buon andamento delle amministrazioni comunali. E nel caso Castrofilippese, secondo gli inquirenti, la Procura e la Prefettura, la legge c'entra tutta.Il provvedimento è stato avviato dal nuovo Prefetto di Agrigento, Francesca Ferrandino tramite la stesura di una relazione che ha tenuto conto anche dell'acquisizione di tutti gli atti relativi alle indagini svolte e precedentemente trasmessi alla Prefettura, dalla Procura della Repubblica, titolare dell'inchiesta. Per Legge, alla relazione prefettizia, nel caso di conferma degli estremi dello scioglimento, segue l'emanazione da parte del Presidente del decreto che dispone lo scioglimento dell'Ente. Il decreto viene emanato dal Capo dello Stato su proposta del Ministro dell'Interno, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri. Il periodo di scioglimento imposto dalla legge varia da un anno a 18 mesi e in alcuni...