By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

Mancata liberalizzazione del mercato dei carburanti che continua ad essere ingessato e che costringe gli automobilisti e i gestori a convivere con i prezzi dei carburanti più alti d'Europa. Questa la motivazione che costringe gli operatori del settore da Nord a Sud ad incrociare le braccia per tre giorni e che probabilmente provocherà non pochi disagi agli automobilisti. In Sicilia lo sciopero durerà un giorno in più, sino alle ore 22.00 di giovedì 9, per rimarcare una situazione resa ancor più preoccupante - sostengono le associazioni di categoria locali - dalla perdurante mancanza di una legge di riforma del settore. Nonostante lo sciopero è stato indetto dalle federazioni sindacali di categoria, Faib, Fegica e Figisc, non tutti i gestori di carburante hanno aderito. A Favara tra i benzinai regna l'incertezza se aderire o meno allo sciopero. Dubbio in quanto in città, a loro detta, non è arrivata nessuna nota ufficiale che proclama l'astensione dal lavoro. Alcuni automobilisti nel timore che da un momento all'altro passano aderire allo sciopero...hanno deciso bene di fare il pieno di carburante!